Tab
Sapzio Soci_lan
icon_FB_laterale
linkedin
 
logo

Terapie intensive contro il virus - BCC Udine

Banca di Udine partecipa all'iniziativa solidale di raccolta fondi promossa da Federcasse, l’Associazione Nazionale delle BCC e Casse Rurali, per rispondere all’emergenza COVID-19.

Con l’iniziativa “#Terapie intensive contro il virus. Le BCC e le CR ci sono!” Iccrea Banca, Cassa Centrale Banca e la Federazione Raiffeisen con il supporto di Federcasse lanciano insieme una raccolta fondi che intende coinvolgere tutte le aziende del Credito Cooperativo, il personale, i soci, i clienti, le comunità locali finalizzata a rafforzare le Unità di terapia intensiva e sub-intensiva degli ospedali, e per l’acquisto di apparecchiature mediche, in coordinamento con il Ministero della Salute.
 

Tutti possono partecipare con una donazione!
Dona ora!
IBAN: IT84W0800003200000800032006
Intestato a: Iccrea Banca
Causale: Terapie intensive contro il Coronavirus

L’auspicio sarebbe quello di poter realizzare almeno un’iniziativa per Regione, con attenzione prioritaria a quelle che stanno maggiormente soffrendo per la diffusione del contagio.

Nei tempi di difficoltà il Credito Cooperativo non ha mai mancato di rappresentare concretamente la propria vicinanza a soci, clienti e comunità locali. Lo ha fatto, ad esempio, nella lunga fase di crisi economica, nella quale tante imprese e famiglie hanno potuto contare sul sostegno creditizio delle BCC. Ma anche in occasione delle emergenze, sia vicine sia lontane. Ricordiamo le iniziative di solidarietà per i bambini di Mogadiscio e Sarajevo, per le popolazioni asiatiche colpite dallo tsunami, dopo il terremoto di Haiti, e – nel nostro Paese – per i terremoti di Marche e Umbria 1997, del Molise 2002, de L’Aquila 2009, Emilia e Bassa Lombardia 2012, Centro Italia 2016.

A queste iniziative “di sistema” se ne sono aggiunte nel tempo centinaia di altre delle singole BCC-CR-Casse Raiffeisen.
Oggi, l’intero Credito Cooperativo si sente particolarmente vicino alle popolazioni delle Regioni più colpite e ai medici e a tutto il personale sanitario, impegnato in prima linea per soccorrere i malati.