Tab
Sapzio Soci_lan
icon_FB_laterale
Twitter
Youtube
 
30/07/2011
Piccolo festival per valorizzare i giovani talenti
“Diversità 2011” - questo è il titolo della rassegna che “Piccolo Festival FVG” inaugurerà il 4 agosto alle 21.30, a Trieste, e si concluderà l’11 settembre a Tarcento - si aprirà nel segno di collaborazioni di ampio respiro che consolidano la sua natura profondamente legata alla formazione e alla creazione di spettacoli che abbiano come mandato la valorizzazione dei giovani di talento e la produzione. «Il “Piccolo Festival” tocca gran parte del territorio regionale - ha commentato l’assessore alla cultura della Regione, Elio De Anna, nel saluto di benvenuto al direttore di Piccolo Festival, Gabriele Ribis - si occupa della formazione di giovani cantanti contribuendo all’aumento della loro professionalità e sa aprirsi all’estero, come nel caso dell’Università degli Stati Uniti d’America, rappresentando un momento originale di divulgazione di quanto è prodotto in campo culturale nella nostra regione». Il valore dell’iniziativa riconosciuto anche attraverso il patrocinio del Consolato Americano e della fondazione Italia-Usa, si avvale dell’importante contributo della Regione Fvg, del co-patrocinio e contributo delle Province di Pordenone, Trieste e Udine, e dei Comuni di Udine, Attimis, Faedis, Maniago, Martignacco, Pradamano, Trivignano Udinese, Reana del Roiale, Tricesimo. Main sponsor del Festival è BCC, Federazione Banche di Credito Cooperativo Fvg che ha approntato un finanziamento ad hoc per il festival. “Il progetto di unire il Friuli all’America è l’occasione per comprendere quanto possa arricchire il confronto fra culture e paesi diversi. Produzione di punta del Festival, è La cambiale di matrimonio di Rossini, che debutterà all’interno del cartellone di Udinestate, il 28 agosto. «Il Piccolo Festival, ha concluso Ribis, pur investendo sull'internazionalità senza cadere in certi esotismi di maniera, non dimentica le sue origini proponendo spettacoli che parlano del suo territorio, con cui è legato sempre più a doppio filo».