Tab
Sapzio Soci_lan
icon_FB_laterale
Twitter
Youtube
 
20/09/2016
95° Stagione di concerti Amici della Musica di Udine

La 95° Stagione GRANDE MUSICA con GRANDI INTERPRETI è stata presentata oggi dalla Presidente dell’Associazione Amici della Musica Luisa Sello nel foyer del Teatro Palamostre (sede principale della rassegna) davanti ad autorità regionali e comunali, a numerosi soci e alla Fondazione Crup, che quest’anno “raddoppia” la proposta del suo progetto a sostegno della cultura. Tra le nuove partnership d’eccellenza, emergono l’Ocse (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) la Simc (Società Italiana di Musica Contemporanea) e l’Università di Toronto, accanto alle già consolidate sinergie con Università di Udine, Fondazione Renati, Tx2 del Css, Filologica Friulana e Unesco, con il sostegno del Ministero Beni e Attività Culturali, del Comune di Udine e della Regione Fvg per i progetti/bando dedicati alla Grande Guerra. Sponsor solidali Banca di Udine, Amga e Saf.
Si inaugura il 26 ottobre con il pianista Roberto Cappello in un programma dal titolo “L’uomo Orchestra; le grandi trascrizioni”, con la V Sinfonia beethoveniana trascritta da Liszt, oltre a “Un americano a Parigi” e “Rapsodia in blu” di Gershwin. Il 14 novembre l’ensemble spagnolo Art Tango (violini, pianoforte, bandoneon e contrabbasso) presenta i capolavori latini di Gardel, Piazzolla e Villoldo, mentre il 25 novembre la Camerata Serbica propone i quartetti di Mozart ed il Concerto KV 299 per arpa, flauto e archi. Immancabile il Quartetto Prazak (artisti in residenza) il 16 gennaio con Mozart, Beethoven e Dvorak, il cui protagonista al pianoforte, per il progetto “Nemo Propheta in Patria” sostenuto dalla Fondazione Crup, sarà Matteo Andri, scelto tra i giovani friulani in carriera. Formula inedita il 25 gennaio con il Sestetto Stradivari dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia che, prima di eseguire i sestetti di Brahms e Tchaikowsky, offre un momento di Virtual & Live alle ore 19.30 in un incontro dove l’alta tecnologia si coniuga con il processo creativo dell’artista. Nella Sala della Cittadella della Cultura, che per intimità d’ascolto ben si presta ad organici più barocchi, il liuto di Evangelina Mascardi inarca poi un parallelo tra Bach e Weiss, con due turni di spettacolo (alle 18 e alle 20.30) il 13 febbraio. Accanto ai programmi che passano dal Rinascimento alle grandi trascrizioni romantiche, il 27 febbraio ecco l’Orchestra Tzigana con il funambolico violinista Antal Szalai in una lettura di autori magiari tra danze e czardas, con Brahms, Monti, Katchaturian e il Liszt più virtuoso. Per celebrare la 93° ricorrenza di Respighi a Udine nel 1924, venerdì 10 marzo ritorna Philippe Entremont sul podio dell’Orchestra Mitteleuropa con il violinista Mario Hossen e la violoncellista Lilyana Kehayova nel celebre “Triplo” di Beethoven (lo stesso Entremont sarà al piano), a precedere Respighi e Schubert. Ancora Entremont (catturato dalla “simpatia della città e dalla sua vocazione artistica”, parole sue) il 23 marzo assieme a Gen Tomuro, con un 4 mani che va da Scarlatti a Poulenc. Chiusura il 12 aprile con una serata che desta già interesse: Bruno Canino & young friends, concerto ‘binomio’ intorno al grande Bach (Bach/Busoni, Bach/Kurtag, Bach/Reger), durante il quale sono attese giovani promesse locali nell’ambito di “Nemo propheta in patria”.
Tutti i concerti al Palamostre iniziano alle 20.30, compreso quello straordinario (non in abbonamento) dello storico Quartetto Kodaly che il 5 aprile, assieme al Pianista Marco Scolastra, propone i quintetti di Mozart e Beethoven (concerto inserito nella Stagione ERT).
Campagna abbonamenti e biglietti per i singoli concerti dal 13 settembre, tutti i giorni (escluso il lunedì) dalle 17.30 alle 19.30, presso il box office del Teatro Palamostre o al concerto di apertura. Info 0432.506925 e www.amicimusica.ud.it.

Articolo tratto da CafèTV24 - 19 settembre 2016