Tab
Sapzio Soci_lan
icon_FB_laterale
Twitter
Youtube
 
Intestazione

 News

 
10/09/2013
BccFvg e Iccrea finanziano con 21 milioni la rete Cafc

UDINE Bcc Fvg e Iccrea BancaImpresa insieme a supporto del Cafc con un finanziamento di 21 milioni per rinnovare a ampliare la rete idrica della provincia di Udine. L’iniziativa vede come capofila Iccrea BancaImpresa assieme a otto Bcc della provincia di Udine: CrediFriuli, Banca di Udine, Bcc del Friuli Centrale, Bcc di Manzano, Bcc Fiumicello e Aiello del Friuli, Bcc Bassa Friulana, Bcc Basiliano, Bcc di Carnia e Gemonese. Tutte assieme si sono aggiudicate la gara pubblica, indetta dal Consorzio acquedotto Friuli Centrale spa (Cafc), per il finanziamento dell’acquisizione del ramo d’azienda relativo al servizio idrico integrato della città di Udine da Amga. L’operazione di finanziamento in pool vede la Banca di Udine, quale istituto proponente e depositario del pool stesso, e ha trovato ampia cooperazione da parte di tutte le Bcc della provincia di Udine, mettendo a sistema le “banche del territorio”, vocate al sostegno delle pmi. Una dimostrazione di unità e coordinamento, con l’assistenza di Iccrea BancaImpresa, capace di assicurare il supporto finanziario adeguato anche a operazioni di investimento di importo rilevante e complesse dal punto di vista tecnico, come quella del Cafc. In questo caso, l’operazione assume maggior valenza in quanto contribuisce a realizzare valore per un territorio molto ampio. Cafc, consorzio partecipato da 79 Comuni della provincia di Udine e attuale gestore del servizio idrico integrato dell’Ato Friuli Centrale, ha promosso l’operazione con la finalità di giungere all’integrazione del servizio idrico provinciale e facilitare la realizzazione dell’importante piano di investimenti per il rinnovo e l’ampliamento della rete idrica locale. L’unificazione del servizio tra Udine e gli ulteriori 83 Comuni già gestiti da Cafc, consentirà inoltre di ottenere miglioramenti in termini di efficienza e qualità dei servizi idrici di acquedotto, fognatura e depurazione, grazie a una gestione unitaria di circa 8.000 chilomtri di rete idrica, di oltre 30 milioni di metricubi trattati e oltre 350.000 abitanti serviti.