Tab
Sapzio Soci_lan
icon_FB_laterale
Twitter
Youtube
 
Intestazione

 News

 
03/04/2009 news banca
Banca di Udine apre di sabato

Una filiale della Banca di Udine rimarrà aperta aperta anche il sabato: dal 4 aprile lo sportello di piazza Belloni sarà disponibile, infatti, per operazioni e consulenze. Ciò con l’obiettivo di arricchire i servizi alla clientela e contribuire a ridare slancio al centro cittadino. L’apertura è prevista dalle 9.15 alle 12.30. Il personale sarà a disposizione di tutta la clientela, anche correntista nelle altre dipendenze dell’istituto, sia per le operazioni ordinarie, che per la consulenza in materia di investimenti o finanziamenti. Si tratta di un’iniziativa unica nel suo genere in città.

«La decisione – ha spiegato il presidente della Banca di Udine Lorenzo Sirch – va inquadrata nell’ambito del nostro impegno quotidiano nei confronti del territorio e della clientela. Abbiamo deciso di dare un segnale di ottimismo alle famiglie e alle imprese in questo momento di difficoltà generale, venendo incontro alle esigenze dei nostri clienti e offrendo un contributo per animare il centro cittadino e per promuovere le attività commerciali». La Banca di Udine quindi vuole fare sentire la propria presenza in città, mettendosi a disposizione di tutte quelle persone che hanno difficoltà a recarsi in banca durante il normale orario di apertura settimanale.

Una realtà, quella della Banca di Udine, caratterizzata da 10 filiali, 6 delle quali operanti a Udine, con 75 dipendenti e più di 2500 soci. Un Istituto che al 31 dicembre 2008 ha registrato oltre 700 milioni di euro di masse amministrate.
«Siamo una banca ben radicata sul territorio – ha aggiunto Sirch – che ha i suoi organi decisionali a Udine. Crediamo nelle potenzialità del capoluogo friulano e non a caso, oltre all’apertura di una nostra filiale il sabato, entro l’anno inaugureremo un nuovo sportello in città». La Banca di Udine fa parte di quel netwook di istituti di credito cooperativo che negli ultimi tempi ha ricevuto parole di elogio, soprattutto per il modo con cui sta affrontando il periodo di crisi globale: «Come Istituto bancario – ha affermato il presidente Lorenzo Sirch – facciamo ogni giorno la nostra parte, aumentando l’operatività sia con le imprese che con i privati, evitando di bloccare i finanziamenti o di limitare l’accesso al credito, soprattutto per i nostri clienti più fidelizzati. Uno dei nostri punti di forza – ha concluso – è il fatto di considerare i clienti come persone e non come numeri».